Inter, pronto assalto a Dzeko e Kante per Conte. Mentre i nuovi Barella e Sensi saranno…

L’Inter programma il mercato della prossima stagione. Dopo la pace con Conte, è pronto l’assalto ai big chiesti dall’allenatore

di Redazione1908

Antonio Conte sembra più saldo che mai sulla panchina dell’Inter. Al netto di imprevedibili rivoluzioni, sarà ancora lui l’allenatore della Beneamata nella prossima stagione. E per Conte, dopo i 180 milioni spesi lo scorso anno, sono pronti altri regali, per certificare lo status di big ritrovato e per dare l’assalto convinto al trono della Juventus.

Il punto della Gazzetta dello Sport.

I PRIMI DUE NOMI

I primi nomi di Conte sono due pezzi da novanta. Il primo nome, noto ormai da tempo, è Edin Dzeko. Il tecnico lo voleva già un anno fa e ora ci riproverà di sicuro, con la Roma che potrebbe cedere vista la necessità di abbassare il monte stipendi.

Il secondo nome è N’Golo Kante, pupillo di Conte al Chelsea e in odore di cessione causa rivoluzione di Lampard e voglia di ringiovanire la rosa da parte di Abramovich

I NUOVI BARELLA E SENSI

Oltre ai due colpi “esperti”, la società continuerà a perseguire la linea dei talenti emersi nel nostro campionato. La pista più calda resta sempre quella che porta a Sandro Tonali. Sul 20enne playmaker del Brescia è tornata la Juventus.

L’arrivo di Andrea Pirlo in panchina ha infatti ravvivato non poco l’interesse dei bianconeri, che vogliono svecchiare la rosa. Ci ha provato il Milan, ma i 25 milioni rossoneri non sembrano avere spostato il barometro dalla parte di Elliott. L’Inter rimane in pole, ma sul tavolo di Cellino deve ancora arrivare l’offerta giusta dal club di viale della Liberazione.

Un altro che piace tanto è Marash Kumbulla, anche lui classe 2000. Il difensore albanese di Peschiera del Garda è esploso con il Verona di Juric quest’anno e per questo è seguito da mesi non solamente ai nerazzurri. La Lazio sta provando il rilancio, ma sembra che la sua volontà sia prendere l’uscita che porta ad Appiano Gentile

OPZIONE SMALLING

Anche Chris Smalling risponde all’identikit del giocatore fatto e finito che ha l’esperienza giusta per aiutare l’Inter. La Roma sta provando con forza a riprendersi il centrale inglese, che è tornato allo United e in Premier piace anche al Newcastle. La corte nerazzurra, però, è di quelle che valgono e i buoni rapporti con i Red Devils (vedi le operazioni per Lukaku, Young, Sanchez) potrebbero anche avvantaggiare Marotta e Ausilio, magari abbassando i 20-25 milioni che oggi chiedono a Manchester.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy